Colombo Boxe 1906

 Via Tacito 39A - 00186 Roma - Tel. 06.6874483 - Tel. 3516402961


   Gabriele De Santis

 

Home     Orari     Dove siamo    History     Gallery

 

Il Presidente: Alvaro Mencacci

 

Titolare Tecnico: Luciano Grillone

 

Collaboratori Tecnici:   Enrico Miccini  Fabio Marras

 


Gabriele De Santis

  

Ha amato e guidato i suoi pugili come fossero suoi figli e loro lo hanno amato e lo ameranno sempre come fosse un padre. 

Saggio,  vero esperto di boxe è stato pugile dilettante e professionista in quegli anni dove la boxe era uno sport popolare come oggi lo è il calcio, ma la boxe ai tempi di Gabriele De Santis era molto più selettiva e dura.

Lo stile e la completezza nel combattimento caratterizzava i suoi allievi e lui li cresceva plasmandoli dal nulla e togliendoli dal buio e dalle loro paure, facendo di loro degli uomini.

Non servivano a lui le luci della fama, era semplice umile ma di valore ed essenziale.

Qualità dei grandi e Gabriele De Santis oggi è di sicuro grande in quel Paradiso dei pugili e dei Campioni.

Avremmo potuto scrivere molto su di lui, biografia notizie dettagli, numeri e vittorie, ma preferiamo ricordare così il valore di questo uomo così semplice ma così importante ed insostituibile per molti di noi.

Il pugilato deve molto a Gabriele De Santis.

Grazie Gabriele i tuoi pugili, i tuoi figli ti rendono Onore per sempre!

 


 

 

 

Gabriele De Santis: in guantoni da 67 anni

Oggi ha oltre 90 anni e, anche andando molto indietro con la memoria, non ricorda un momento in cui la boxe non abbia fatto parte della sua vita. E’ Gabriele De Santis, vice presidente e insegnante della A.S Cristoforo Colombo, in via Tacito 39/A, nei pressi di piazza Cavour. La prima volta che ha messo piede nella palestra di pugilato aveva tredici anni. “Ho iniziato perché mi piaceva fare a pugni. Quando ero piccolo io, tra i quartieri di Roma c’era sempre un po’ di rivalità e non passava un pomeriggio in cui non si facesse a botte, e io mi divertivo”. Un giorno, per caso, passeggiando, è passato davanti alla Colombo. “Ho desiderato subito entrare a farne parte ma non mi potevo iscrivere perché la retta costava cinque lire e io, a quel tempo, non le avevo. Poi mio cugino mi ha prestato i soldi. Dopo il primo mese, però, quando il mio allenatore ha visto che ero bravo, non ho più pagato”. E da quel momento la Colombo è stata la sua seconda casa. Per anni si è allenato insieme a pugili del calibro di Belardinelli, campione italiano negli anni Quaranta, e del campione europeo Urbinati. “Quando mi allenavo, rubavo con gli occhi da quelli più bravi di me. Guardare e imparare mi è servito molto di più delle lezioni teoriche”. A vent’anni è diventato professionista e ha disputato nove incontri finché non ha smesso. Un’infiammazione ai tendini lo ha costretto a ritirarsi presto dall’attività agonistica ma non è bastata per farlo allontanare dalla boxe.

Da allora De Santis si è dedicato all’insegnamento con stessa passione che metteva sul ring da atleta. Dalle sue mani sono passati tanti campioni come Salvatore Burroni, vincitore del titolo mondiale negli anni Cinquanta, e Federico Scarponi, campione mondiale nello stesso periodo. “Il pugilato bisogna averlo nel sangue. E’ uno sport duro, si prendono i pugni e se non hai la passione non vale la pena andare avanti. Io insegno, prima di tutto, la difesa e il gioco di gambe. Non è importante picchiare forte ma difendersi”